Digressione

E alla fine di un lungo andare…

“E alla fine di un lungo andare il viaggiatore sorridendo volge di nuovo lo sguardo al recente passato, alle esperienze collezionate lungo il percorso, ai pianti, alle difficoltà combattute, ai sorrisi, agli abbracci confortanti di nuove persone presto diventate amiche; sempre sorridendo il viaggiatore consapevolmente ammette più a se stesso che agli altri che nella vita non è poi così importante il traguardo finale, ma conta molto più il percorso che si compie per arrivarvi”.

La mia prima lunga esperienza africana volge al termine: dopo tre mesi di guiding, driving, pioggia, sole, amici, libri ed esami torno a casa abbracciando la mia qualifica nuova di zecca: GUIDA CERTIFICATA FGASA LEVEL 1. Sono stati mesi intensi, pieni di emozioni, di gioie, di momenti indimenticabili. Descrivere l’esperienza a BHEJANE a parole mi risulta molto difficile, non perché non riesca a trovare le parole giuste per parlarvene, ma piuttosto perché i sentimenti e le forti sensazioni provate lungo questo percorso non sono commentabili a parole. Appena tornerò a casa utilizzerò le fotografie collezionate in questi mesi per farvi entrare nel mio magico mondo, per farvi conoscere questa accademia, per farvi capire perché mi sono follemente innamorata del bush e di tutto il mondo che vi gravita attorno. 

• Stay tuned •

Self drive in Technicolor- Parte III

Avete ragione a rimproverarmi. È passato troppo tempo dal mio ultimo post nel quale ripercorrevo le strade impolverate dell’Africa e vi raccontavo del Moholoholo e dell’HESC; inoltre vi avevo anche promesso che presto vi avrei parlato di Mister West, dei suoi meravigliosi gattoni e degli avvistamenti selvaggi nelle terre sconfinate del Kruger. Ma poi il mio progetto segreto mi ha rapita per delle giornate intere e la cura del mio blog e dei miei cari followers è ahimè passata in secondo piano (p.s. Appena potrò vi svelerò il mio importante progetto segreto…ci stiamo ancora lavorando). Beh nonostante siano passati quasi due mesi dall’ultima volta che vi parlavo di tutto questo il mio cuore conserva ancora intatti i momenti sudafricani, le risate attorno al fuoco dopo giornate intense ed emozionanti, i racconti notturni di Mister West, il proprietario del Lion Tree Top Lodge, la guesthouse che ha ospitato me ed il mio ragazzo per quasi un’intera settimana; un omone sorridente e ciarliero in grado di trasportare chiunque sia anche minimamente  appassionato di natura e viaggi nel magico mondo della savana e del bush: i suoi racconti allietano le cene attorno al focolare e ci fanno conoscere un’Africa diversa, un’Africa ammaliante ed allo stesso tempo politicamente corrotta e pericolosa; ci parla con gioia delle sue figlie adottive, due meravigliose leonesse che con amore e dedizione ha cresciuto. Il Lion Tree Top Lodge ha questo di unico, di impagabile: la possibilità di percorrere le strade selvagge  del bush in compagnia di questi maestosi esemplari. È un’esperienza che non ha eguali, ti lascia con il fiato sospeso vedere queste creature correrti incontro ed invitarti al gioco, ti fa venire voglia di piangere dalla felicità, ti fa odiare ancora più profondamente se possibile quei maledetti bracconieri che giorno dopo giorno decimano la popolazione Che ad oggi conta soltanto 20mila esemplari di cui appena 3500 maschi. Le camminate nel bush ci regalano preziose informazioni sulla flora e la fauna che ci circonda, che i popoli africani idolatrano per i poteri che si nascondono nelle erbe, nelle foglie, nelle linfe delle piante. Il Lion Tree Top Lodge è magico, regala sensazioni che soltanto un Lodge immerso nella natura può darti, un assaggio di quel meraviglioso selvaggio che l’Africa rappresenta, con i suoi suoni, i suoi rumori, i suoi silenzi. E poi ancora il Kruger, un immenso polmone che ad ogni sorgere del Sole rinasce, si rinvigorisce, richiama alla vita centinaia di esemplari di impala, zebre, giraffe, gnu, babbuini, leoni, leopardi; una terra in continuo movimento, che cambia ad ogni sguardo, ad ogni respiro; uno spazio gigantesco dove l’occhio si perde nelle mille tonalità di verde e giallo che inondano il visitatore curioso; la forza della natura inversamente  proporzionale alla piccolezza dell’uomo. 

Una sola cosa allora volevo: tornare in Africa. Non l’avevo ancora lasciata, ma ogni volta che mi svegliavo, di notte, tendevo l’orecchio, pervaso di nostalgia.

(Ernest Hemingway)

Fly&drive in technicolor 

Buongiorno a tutti cari Giramondini… Nel mio ultimo racconto di viaggio a Tenerife avevo promesso che presto vi avrei svelato il mistero riguardo la mia prossima destinazione. Se ricordate il post di qualche mese fa #TravelDreams avevo citato in pole position la Namibia (in realtà sottintendendo Africa in generale) che con le sue sfumature accese di rosso invita il viaggiatore a scoprire il Primordiale ed il Selvaggio nascosto nelle sue magiche terre. Per il mio prossimo viaggione la destinazione si modifica ma il desiderio di esplorare e la voglia di partire è sempre la stessa. Tra poco meno di un mese io ed il mio compagno ci catapulteremo in un viaggio self drive in Sudafrica, la Rainbow Nation, Paese leggendario per la bellezza dei suoi paesaggi e per l’immensità delle sue ricchezze naturali. L’itinerario di viaggio abbozzato prevede arrivo a Johannesburg, direzione Nord-est puntando verso l’area del Blyde River Canyon, il secondo canyon africano ed il terzo (dopo il Grand Canyon negli Stati Uniti ed il Fish River in Namibia) del mondo, delle Sudwala Caves e della cittadina di Pilgrim’s Rest, la cui storia è legata a doppia filo a quella della corsa all’oro, per poi finalmente raggiungere il KRUGER NATIONAL PARK con la sua costellazione di riserve private della provincia di Mpumalanga. Non vedo l’ora di condividere con voi storie e scatti di questa terra che ancora non conosco ma che già mi affascina e mi richiama.