Cosa mettere in valigia per un’esperienza in Congo

L’attesa del piacere è essa stessa il piacere… La valigia vuota ai vostri piedi, mille idee che si rincorrono nella vostra mente, la lista di cose, alcune indispensabili altre un po’ meno, attaccata di fronte a voi sull’anta dell’armadio, e un misto di felicità, trepidazione ed attesa che a tratti fa nascere spontaneamente un sorriso bambinesco sulla vostra faccia. Le settimane che precedono l’inizio di una vacanza, soprattutto se si tratta di un viaggio/avventura come quello che mi attende, sono settimane frenetiche, agitate; giornate che si rincorrono frettolosamente, scatoloni di vestiti accatastati vicino al letto e sacchetti per il sottovuoto sparpagliati qua e là per la stanza. Essendo una personalità organizzata, la cosa più ovvia per me non appena ho iniziato a pensare alla valigia è stata prendere carta e penna, suddividere il foglio in “INDISPENSABILE” ed “UTILE” ed iniziare una lista di tutte le cose che avrei dovuto/voluto portare con me in questa avventura. Il fatto di dover racchiudere la mia vita in due valige è stata una vera sfida, soprattutto perché molte erano le attrezzature tecniche che mi sono state richieste per il tipo di esperienza che mi si prospetta però diciamo che, se ritoccata leggermente, questa Packing List potrebbe essere perfetta per un qualsiasi Safari in Africa.

Vestiti & Accessori Non mi dilungherò scrivendovi esattamente tutto quello che sono riuscita ad incastrare nella valigia per questi mesi, ma darò alcuni consigli validi per ogni dove in Africa

  1. Prediligete sempre vestiti dai colori chiari o neutri (beige,kaki, nocciola, verde oliva…) in primis perché si amalgamano perfettamente con la Natura nella quale vi muovete e non di secondaria importanza perché i colori vivaci e molto accesi attirano gli insetti 🐛
  2. Vestitevi a “cipolla”: gli sbalzi di temperatura e l’escursione termica impongono una scelta del genere, quindi abiti leggeri ma stratificati così da poter essere sempre pronti
  3. Portate una giacca a vento o qualcosa di più pesante per le serate intorno al fuoco… Stessa motivazione del punto numero 2, la sera appena calato il sole le temperature scendono anche di parecchi gradi in alcune zone d’Africa quindi SÌ a berretti, pantaloni lunghi e felpe
  4. Se non siete sicuri degli hotel nei quali alloggerete consiglio di premunirsi di un sacco lenzuolo o di un sacco a pelo così da poter essere sicuri di dormire “al riparo” da ospiti indesiderati

Devices elettronici Macchina fotografica e accessori vari: Mrs Nikon corredata con obiettivi ideali per Safari (io ne porto due, il basico 18-55mm adatto a soggetti più facili e nel caso la luce scarseggi, e un 70-300mm, pratico zoom adatto ad avvicinare i soggetti lontani); caricabatterie; cavalletto; schede di memoria extra SD (32GB è un’ottima soluzione); iPad e accessori; prese multistandard (andando in Congo avrò necessità sia di prese europee sia sudafricane, quindi indispensabili adattatori universali per evitare di rimanere a piedi😬); cellulare (protezione esterna necessaria per evitare che polvere e pioggia possano distruggerlo); auricolari; navigatore satellitare GPS (✔️Garmin Etrex 35 Touch è un top di gamma… Non appena imparerò ad usarlo la foresta non avrà più segreti per me); chiavetta USB.


In questa sezione introduco anche una piccola lista che non rientra necessariamente nell’elettronica, ma sono tutte cose di primaria importanza per affrontare un Safari in Africa: torcia (sia la classica che quella frontale, utilissima la sera attorno al fuoco o durante i night drives se munita di luce rossa notturna per evitare di disturbare gli animali ✔️Petzl TACTIKKA 200lm; binocolo; coltellino svizzero multiuso.

Nécessaires da bagno & Kit di primo soccorso Il kit di primo soccorso risulta imprescindibile in ogni viaggio; ricordatevi inoltre che se viaggiate in luoghi remoti o anche solo fuori dall’Unione Europea il sottoscrivere una polizza assicurativa è fortemente consigliato (per evitare spiacevoli situazioni). L’ABC del perfetto kit da viaggio prevede: cerotti, garze sterili, cotone idrofilo, termometro, antipiretici (aspirina, tachipirina), antidolorifici (moment, buscofen, novalgina), antibiotico ad ampio spettro, repellenti anti-zanzare (io ho portato con me sia il BioKill, da vaporizzare su abiti e zanzariera, e il Pyramid Trek 50, una certezza già testata durante i mesi sudafricani), antistaminici, fermenti lattici per stabilizzare la regolarità intestinale, un “aiutino” sia contro la stitichezza che nel caso contrario; la mia scorta prevede anche un antimalarico (Malarone), integratori alimentari, e una scorta di ferro (sono vegetariana 🌱). Per quanto invece riguarda il set da bagno da NON dimenticare una buona crema solare (minimo SPF 30+) con correlato dopo sole; burro di cacao; dentifricio; spazzolino; shampoo; pettine; lacci per capelli; deodorante; Amuchina (da tenere sempre a portata di mano); fazzoletti (sia quelli di carta che rinfrescanti e antimicrobici)

Annunci
Digressione

Ma in Africa quanti Congo esistono?

Quando ho comunicato a parenti ed amici che avevo firmato un contratto per una zona remota del Congo, le espressioni che si sono succedute sulle loro facce sono state un miscuglio di paura, terrore, ansia e “MaQuestaNonÈNormale”. Questo perché la maggior parte delle persone con cui mi è capitato di parlare a proposito di questa mia strabiliante nuova avventura non era a conoscenza del fatto che l’Africa ospita ben DUE ✌️ CONGO, due Paesi confinanti geograficamente parlando, ma così distanti per civiltà, sicurezza e sviluppo economico. La Repubblica del Congo (dove appunto si trova l’Odzala-Kokoua National Park) è un’ex-colonia francese la cui capitale, Brazzaville, cittadina di stampo coloniale, sorge sulle rive del grande fiume Congo. Da non confondere assolutamente con la vicinissima Repubblica Democratica del Congo (DRC), questo Congo appare calmo, rilassato, mosso dalla tipica tranquillità africana e in rapido sviluppo economico. La sua storia ha inizio nel XIX secolo con le spedizioni e le esplorazioni di Pierre Savorgnan de Brazza. Notoriamente conosciuta come “la piccola Parigi africana”, l’influenza francese si respira anche solo passeggiando nelle coloratissime strade della capitale, considerata una delle città più sicure d’Africa: ci si imbatte in venditori di fiori, boulangeries dalle cui porte si avverte il profumo del pane 🥖 appena sfornato, cafès parigini trapiantati in questa terra ancora poco esplorata. Trovandosi nella parte centro-occidentale dell’Africa sub-sahariana a cavallo dell’Equatore, Congo-Brazzaville presenta un clima equatoriale o sub-equatoriale, con abbondanti piogge e un tasso medio elevatissimo di umidità (la maggior parte delle sue terre, più del 65%, è ricoperto da fitte foreste pluviali, i polmoni verdi del nostro pianeta). L’Odzala National Park si trova a pochissima distanza dall’Equatore (emisfero nord) con una prima stagione secca (è errato definirla in questo modo, perché il Congo, esattamente come altri Paesi che corrono lungo l’Equatore non presenta una netta distinzione tra stagione secca/delle piogge) che si estende da Giugno a Settembre ed una seconda da Dicembre a Febbraio: durante questi periodi dell’anno si possono riscontrare temperature leggermente più basse ed un livello d’umidità inferiore rispetto ai restanti mesi, anche se le piogge possono sorprendervi in qualunque momento della vostra spedizione. La stagione delle piogge va da Marzo a Maggio, e da Settembre a Novembre: temporali torrenziali e sfumature ammalianti colorano il cielo in ogni istante della giornata, regalando ai fotografi più wild scatti davvero strepitosi.Nel prossimo post mi dedicherò al packaging, alias come affrontare la preparazione della vostra valigia per un viaggio del genere. • Stay tuned •

Stato

Una Nuova Grande Avventura

L’Odzala-Kokuoa National Park è una gemma ancora poco conosciuta dal turismo internazionale, nonostante sia uno dei parchi più antichi d’Africa fondato nel 1935 dall’amministrazione francese e la seconda foresta tropicale più vasta al mondo dopo quella amazzonica, incastonata nel cuore dell’enorme area di foresta sul bacino del fiume Congo. Il parco copre una superficie di circa 13.600 chilometri quadrati, arrivando ad ospitare una moltitudine di habitats ed ecozone differenti: si passa dall’intricata foresta tropicale, casa indiscussa della popolazione più numerosa di gorilla di pianura (Western Lowland Gorillas), alla savana tipicamente africana, arrivando a zone paludose e caratteristiche di questo microcosmo, le cosiddette saline (Bais in inglese): zone acquitrinose e fangose che costellano l’altrimenti fittissima foresta congolese, luoghi di ritrovo quotidiani di alcuni animali che utilizzano queste pozze di grandezza variabile (raggiungono i dieci ettari di vastità) per cibarsi, abbeverarsi, o semplicemente immergersi in queste vasche naturali. L’immensa e sconfinata regione dell’Odzala ospita un’infinità di specie differenti ed alcune endemiche di questo luogo magico: oltre ai magnifici gorilla di pianura, compiere una spedizione all’interno del parco significa avere la possibilità di incontrare elefanti di foresta, più di 100 diverse specie di mammiferi, oltre 430 specie di uccelli dai colori stravaganti e variegati e un numero indicibile di piante e fiori; antichi giganti silenziosi si innalzano verso un cielo sempre instabile per oltre 50 metri, orchidee selvatiche si arrampicano sui rami aggrovigliati, e un tappeto di semi, foglie, fiori e frutti ricopre il terreno umido. Gli Odzala Discovery Camps sono una collezione di tre eco-lodges extra lusso (due di questi lodges • Mboko e Lango Camps • situati all’interno del parco nazionale, mentre il terzo • Ngaga Camp • collocato in una concessione privata ai margini del parco, nella Ndzehi Forest) gestiti dalla Congo Conservation Company (CCC) e di proprietà di Sabine Plattner, unione che, oltre a garantire un incontro straordinario ed unico con la foresta congolese, sostiene attraverso differenti progetti di volontariato e conservazione le quasi 80000 persone che sopravvivono nei villaggetti che costellano il perimetro del parco naturale (SPAC).


Vi starete forse chiedendo perché mai vi stia parlando di questa zona remota d’Africa… La perseveranza e la tenacia portano sempre ad un risultato, anche se accompagnate da un’infinita serie di giornate black-mood, umori neri, momenti di sconforto e di totale sfiducia. Dopo quasi un anno le mie ricerche incessanti sono approdate in Congo (magari in un altro post vi racconterò anche come😊dato che con tutta sincerità il Congo non era proprio sulla mia lista), e dopo una serie deludente di NO è arrivato il fatidico SÌ!!! Non ho pensato neanche per un secondo di non cogliere questa straordinaria opportunità: ricevuto e firmato il contratto con la CCC il giorno seguente mi sono recata a rassegnare le tanto temute dimissioni col sorriso stampato sulla faccia e nel cuore un miscuglio di emozioni che a parole non si possono neanche elencare tutte: paura, ansia, tensione, euforia, orgoglio, serenità, speranza, ottimismo…mal d’Africa.

La mia avventura all’interno dell’Odzala-Kokuoa partirà il 6 gennaio!!! Spero di riuscire (Wi-Fi e tempo permettendo) a postare almeno un racconto a settimana, tenendovi sempre aggiornati riguardo a tutto quel mondo che si offrirà ai miei occhi, alle difficoltà che dovrò affrontare, alle persone che entreranno a far parte della mia vita africana, agli incontri magici che la foresta mi offrirà. Quindi questa volta davvero amici stay tuned e aspettate aggiornamenti africani!!!

Stato

• Virunga •

A distanza di anni dall’arrivo di Netflix in Italia decido di abbonarmi quasi esclusivamente per un unico motivo: vedere, anche se in ritardo, uno dei documentari più belli, veri ed al contempo crudeli e commoventi che siano mai stati prodotti sulla storia recente di uno dei paesi africani più disastrati e abbandonati dai media internazionali: il Congo. Il film documentario, pensato, prodotto e diretto da Orlando von Einsiedel in collaborazione con Leonardo DiCaprio, ripercorre la drammatica e recente Storia di alcuni territori orientali del Congo, rivolgendo una particolare attenzione al Parco Nazionale dei Virunga, il parco più antico del Paese, fondato nel lontano 1925 e protetto dal 1979 dall’UNESCO come Patrimonio Mondiale dell’Umanità in quanto culla primordiale ed ancora esistente degli ultimi gorilla di montagna (ad oggi la popolazione mondiale conta all’incirca 680 esemplari). Il documentario segue la storia di alcuni ranger e del direttore del Parco, l’ambientalista belga Emmanuel de Merode, uniti per difendere quest’area  dagli interessi degli speculatori, in uno scenario di conflitti e di instabilità politica perpetuati. L’immacolata bellezza del Parco Nazionale viene sconvolta e travolta dal vile e sporco denaro quando nel 2007 il Congo decide di rilasciare due concessioni petrolifere vicinissime ai confini del Parco alla Total (che sceglie però di rimanere nella legalità ed operare nel rispetto delle leggi nazionali ed internazionali sulla salvaguardia dell’ambiente) e alla Soco, compagnia londinese. La Soco, avvalendosi di aiuti provenienti dall’interno del Paese, letteralmente compra uomini vicini al Governo ed alle forze dell’ordine, e riesce ad insinuarsi oltre i confini del Parco, compiere ispezioni “ufficiose” nei pressi del Lago Edward, dentro al Virunga appunto, e a scovare giacimenti petroliferi proprio sotto il lago. Con carte alla mano e soldi sonanti nelle tasche i dirigenti della Soco richiedono al Governo congolese di appoggiare la prosecuzione dei lavori all’interno del Parco o, se questo fosse risultato impossibile, di SPOSTARE i confini di uno dei Parchi più antichi d’Africa per continuare le trivellazioni; tutto questo, oltre ad avere palesi ripercussioni sulla straordinaria biodiversità del Parco (non solo casa dei gorilla di montagna, ma anche di elefanti, gazzelle, antilopi, giraffe e un microcosmo inenarrabile) potrebbe provocare gravissimi disagi ai villaggi di pescatori che costellano le rive del Lago Albert, vicinissimo al Lago Edward. 

Il documentario tocca con mano lo sporco e viscido mondo degli affari e della politica internazionali, che si mescola e si avviluppa attorno alla vita del Parco Nazionale, che come un’enorme bolla di sapone cerca di difendersi con un manipolo di uomini innamorati della loro terra, mossi da un’unica voce, un unico desiderio: impedire la distruzione dei Virunga. A parte la toccante descrizione visiva della Storia del Congo quello che più emoziona, quello che arriva dritto al cuore è l’amore che questi uomini hanno verso la loro terra, il loro passato, la loro Natura. Il comprendere quanto importante siano gli 8000 chilometri quadrati del Parco per loro, per la popolazione congolese, per il futuro del Congo è la vera forza che li fa muovere, li trasforma in scudo umano contro la forza inarrestabile del denaro e delle speculazioni, li erge ad eroi nazionali senza che loro neanche se ne rendano conto. La tragica storia raccontata nel film prosegue ancora oggi e la lotta per la sopravvivenza nella Repubblica Democratica del Congo continua con migliaia di uccisioni di massa, stupri, corruzioni, sfruttamenti di risorse naturali da parte di chiunque e dittature incatenate al potere. 

Ho accettato di dare il meglio di me per far sì che la flora e la fauna selvatica possano essere salvaguardate al di là di tutte le pressioni, al di là di tutta la brama di denaro, al di là di tutto. Qualsiasi cosa dovesse accadermi, l’accetterò, perché non sono speciale. Non possiamo mostrarci deboli e permettere alla Soco di procedere indisturbata con il suo lavoro. Alla fine saremo giudicati se resteremo a guardare mentre il parco scompare; ma il nostro desiderio è che questo parco possa vivere per sempre.

Digressione

Perché gli italiani dovrebbero essere contrari allo Ius Soli

Sul capitolo “immigrazione” si stanno scrivendo capitoli interi della Storia della nostra società, racconti stratificati di migranti ed extracomunitari abbarbicati sulle spalle di questa povera Italia che si mantiene oramai da troppo tempo instabile sull’orlo di un precipizio e che preferisce fagocitare indistintamente giovani d’oltremare piuttosto che prendersi cura del futuro dei suoi figli. C’è chi leggendo queste prime righe penserà che i miei pensieri siano intrisi di razzismo e sentimento xenofobo, ma così non è; seguono soltanto una delle vicende che da mesi fa discutere e parlare di sè, senza alle volte capirne bene la questione cardine: sto parlando del famigerato Ius Soli, legge caldamente sostenuta dal Pd, osteggiata dalle forze di opposizione come Lega Nord e Forza Italia, legge che di fatto comporta la concessione automatica della cittadinanza a chiunque nasca nel nostro Paese, o che almeno abbia frequentato cinque anni la nostra scuola ed abbia così ipoteticamente appreso i fondamenti essenziali della cultura italiana. Ma queste sono solo bazzecole, quisquilie politiche e falsamente filantropiche che nascondono il vero nocciolo della questione; perché l’estensione della cittadinanza italiana non è argomentazione di destra o sinistra, ma è una questione nazionale. È quindi necessario e lecito che ogni cittadino italiano si ponga una semplicissima domanda: è corretto che la cittadinanza venga riconosciuta a chiunque nasca all’interno dei confini italici, diversamente da come avviene ora, e quindi anche indipendentemente dalla cittadinanza posseduta dai genitori? È universalmente corretto che una legge venda la cittadinanza italiana come un semplice prodotto da banco? 

Non sono contraria all’integrazione, al multiculturalismo e al melting pot per la costruzione di un’identità condivisa; sono contraria all’omologazione di fabbrica, alla distruzione stessa del concetto di cittadinanza. La cittadinanza italiana non è un valido strumento di integrazione, non serve possedere un foglio per sentirsi parte di una stessa comunità o per atteggiarsi come tali; la cittadinanza italiana comporta in primis regole, diritti e doveri che ogni singolo cittadino deve o dovrebbe sostenere e rispettare. Anzi, se lanciamo uno sguardo ai nostri vicini di casa, i francesi ed i belgi, ci rendiamo conto di come questa legge abbia chiaramente fallito: all’interno dei loro paesi con il riconoscimento di fatto della cittadinanza nella maggior parte dei casi non si è ottenuto un allargamento della società esistente ma il contrario, ovvero la nascita di un mosaico ininterrotto ed eterogeneo di comunità totalmente diverse. La cittadinanza italiana è necessaria se non fondamentale per la tutela della cultura e dell’identità della nostra popolazione e quindi per la nostra sopravvivenza messa ogni giorno sempre più a rischio da uno sbilanciamento etnico e di fatto anche demografico con generazioni che per motivi religiosi, sociali, culturali e chi più ne ha più ne metta non potranno mai fondersi completamente. Quando parlando citiamo “l’etnicità” di una persona non rivestiamo tale appellativo di valenza razzista, ma riconosciamo l’universalità di tale caratterizzazione: parlando ad esempio di un cinese a tutti in modo universale verranno in mente determinati canoni fisici, l’appartenenza allo stesso ceppo linguistico, la stessa millenaria cultura.  

Prendiamo anche in considerazione il fatto che una legge del genere, che garantirebbe la cittadinanza a chiunque si trovi nel Paese al momento della nascita (fermo restando regolare permesso di soggiorno da parte di almeno uno dei coniugi nella coppia), potrebbe essere un fattore scatenante per una sempre maggiore ondata di immigrazioni nel nostro Paese (cosa che già avviene nei paesi europei che adottano questa norma). Moltissimi paesi nei quali lo Ius Soli era stato precedentemente approvato e messo in atto hanno fatto marcia indietro e hanno ammesso la sconfitta abbandonando la concessione della cittadinanza (lo ius soli che è così di moda è stato abbandonato in 53 anni da 37 nazioni #“The Citizenship Laws Dataset”). Non serve regalare la cittadinanza agli immigrati per esasperare l’idea di accoglienza e di generosità; non serve a niente rendere sulla carta tutti uguali gli uni agli altri indistintamente se poi l’omogeneità non si concretizza nella società esistente; non ha senso se non addirittura è paradossale l’idea che noi italiani possiamo accettare di perdere la nostra identità culturale e storica per un’omologazione legalizzata. 

Digressione

Perché nessuno parla dei Rohingya, il popolo che nessuno vuole

Dei Rohingya, in Italia e in generale in Europa, ignoriamo probabilmente anche  l’esistenza. Io ho scoperto questa minoranza etnica intrappolata nei territori a nord del Myanmar (ex Birmania) leggendo mesi fa un articolo incastonato tra servizi di moda e viaggi eco-chic: una comunità di etnia musulmana non riconosciuta e non accettata da nessuno Stato del Sud-est asiatico; il maggior numero di Rohingya vive (o viveva) stabilmente nella regione del Rakhine, a nord del Myanmar ed al confine col Bangladesh (regione verso la quale oggi migliaia di Rohingya intravedono la salvezza, una via di fuga dalle atrocità che si stanno perpetuando nei loro confronti da diversi anni, ma che ultimamente sono state classificate dall’ONU come “crimini contro l’umanità”); una minoranza etnica nelle pacifiche terre buddiste la cui esistenza viene negata persino dal Nobel per la Pace, Aung San Suu Kyi, politica birmana ora a Capo del Paese, attiva per moltissimi anni nella difesa dei diritti umani. La storia della persecuzione dei Rohingya viaggia in parallelo a quella del Myammar. L’ex Birmania, infatti, con le elezioni del 2015 riesce a voltar pagina, mettendo fine alla dittatura militare che nel corso dei decenni  aveva ridotto il Paese ad uno dei più poveri e dei meno democratici al mondo. La svolta è arrivata proprio con la vittoria del Partito Democratico della Suu Kyi, che avviò il lento e lungo processo di democratizzazione del Paese. Apertura, svolta, miglioramento, tutte cose che non hanno fatto altro che peggiorare se possibile l’esistenza in bilico di questa minoranza etnica. Senza alcuna protezione da parte delle istituzioni e vittime di continue discriminazioni razziali, i Rohingya vivono ai confini della società, rinchiusi in ghetti-non-ghetti all’interno di baracche fatiscenti. Sono sottoposti a continue minacce e rastrellamenti della polizia (azioni che vengono minimizzate se non addirittura difese dalla Suu Kyi, la quale ha sostenuto in varie occasioni la legittimazione delle azioni poliziesche nei confronti del popolo Rohingya appellandosi a leggi costituzionali); i loro villaggi sono spesso bruciati e le donne violentate, mentre gli uomini vengono massacrati di botte ed arrestati. Il popolo fantasma viene definito; il popolo che nessuno vuole e di cui nessuno vuole interessarsi; il popolo inesistente e silenzioso. Mentre noi occidentali accogliamo a braccia aperte le migliaia di profughi che giornalmente sbarcano sulle nostre coste senza documenti nè identità, preoccupandoci delle loro condizioni sanitarie precarie, ignorandone alle volte persino la provenienza e la storia, i Paesi al confine col Myanmar mostrano reazioni dure e spesso ostili nei confronti di questi eterni apolidi, rimandando le imbarcazioni stracariche di reietti nel loro Paese d’origine, Paese che ne nega l’esistenza, che non ne accetta la sopravvivenza, che ha posto le basi oramai consolidate di un genocidio di massa organizzato. Ma per quale assurdo motivo questa situazione catastrofica paragonabile alla pulizia razziale messa in atto nella Seconda Guerra Mondiale nella Germania nazista non viene sbandierata sui giornali? Perché le Organizzazioni Internazionali non si mobilitano per cercare di interrompere la tragedia dimenticata dei Rohingya? Non so rispondere a queste domande, perché non sono nessuno, sono soltanto una ragazza con un occhio aperto verso il mondo che mi circonda, ma penso che il pericolo maggiore di questo silenzio e di questo disinteresse mondiale sia la reale possibilità che ci si possa accorgere del genocidio dei Rohingya troppo tardi, quando si scriveranno articoli di cronaca nera del massacro oramai terminato e non più in atto.  

5 film per il 5 giugno – Giornata Mondiale dell’Ambiente 

Dal 1972 il 5 giugno è in tutto il mondo la giornata dedicata all’Ambiente. Ricollegandomi al post precedentemente pubblicato 🔙 voglio presentarvi una selezione di cinque film che elogiano la nostra Terra, film che ci ricordano, alcuni anche in modo drammatico ed intenso, il travagliato e magnifico rapporto tra noi e l’ambiente. 

  • Into the wild

Assoluto capolavoro del genere, basato sul romanzo Terre Estreme di John Krakauer, diretto da Sean Penn; un viaggio on the road che è al contempo un coinvolgente racconto di formazione, una riflessione continua sul desiderio innato di libertà, un canto appassionato all’infinita bellezza della natura ed una struggente rappresentazione della solitudine, che viaggia in parallelo  all’importanza della condivisione. 

  • Wild 

Adattamento cinematografico di uno scritto autobiografico, mostra uno spaccato d’America poco noto e meraviglioso. È il Pacific Crest Trail, sentiero escursionistico che dal confine degli Usa con il Messico arriva fino al Canada che Reese Whiterspoon (Cheryl Strayed) percorre in all’incirca due mesi, dopo aver perso la madre ed essere rimasta vittima dell’eroina. 

  • Dove sognano le formiche verdi

Racconta la storia di una compagnia petrolifera britannica che nei territori remoti dell’outback australiano cerca di convincere un gruppo di aborigeni a lasciare libera la propria terra, così da poter trivellare a caccia del petrolio. Gli aborigeni, ancorati alle  proprie credenze e tradizioni, tentano in tutti i modi possibili di opporsi all’inevitabile potenza economica. 

  • Before the flood – Punto di non ritorno 

Documentario shock pensato, prodotto e “vissuto” da un bravissimo ed impegnatissimo Leonardo di Caprio che incontrando scienziati, leader mondiali e attivisti discute e mostra terribili risvolti dei cambiamenti climatici ed espone possibili drastiche soluzioni. 

  • Qualcosa di straordinario 

La straordinaria storia del giorno in cui il governo americano e quello sovietico unirono le loro forze per salvare tre balene grigie intrappolate nel ghiaccio al largo della costa dell’Alaska.

• Non prendiamo per scontato questo pianeta 🌎 •