Report of a Circumcision Ceremony in Mbomo

What follows is a descriptive report of what we have  learnt and seen during the last two days (on the 23rd and 24th June 2019) of this famous yet fossilised ceremony at Mbomo, where the passage from childhood to adulthood of 7 candidats (boys whose age was between 10 to 15 years old who have decided voluntarily to undergo the ritual) took place. Since male initiation is a partially secret rite, occurring in hidden places of the African rainforest or simply in closed protected huts in the village, we will recall the most prominent characteristics and details of this ritual narrated mainly by Goma’s father, one of the event organisers.

Circumcision is often done for religious and cultural or traditional reasons, which includes being part of rituals or rite of passage to adulthood. In Mbomo this particular ceremony is voluntary, which means that, compared to other cultures and tribes, there is not fixed age to undergo the entire process and it is only when the boy decides to be ready to deal with this that the whole ceremony starts. Even though the decision is completely up to them, if they postpone their choice they are considered, regardless to their age, badly by the community and they will be fooled by the others. The ritual in Mbomo lasts 4 days, usually during the long dry season from June to August, and it is generally a big party for the whole community, especially the last day when the actual circumcision takes place and the village participates dancing, singing and drinking local palm and corn wines (it also unfortunately usually marks an increase in bushmeat hunting because they tend to celebrate the more they can with these “delicacies“). It involves different demonstrations of bravery and manhood to confirm that the initiate (candidat) is ready and worthy to become an adult member of the community and the actual cutting, while a pivotal moment in the circumcision ceremony, is just a small component of the whole process. All the challenges start in the late afternoon/evening and they last till the next morning when the candidats are then cleaned down to the river by people having this specific task (taking care of the candidats) and then have enough time to rest and recharge their batteries to be ready for the next challenge. They spend their 4 days altogether in a special hut built only for the ceremony. The very first step toward adulthood requires the initiates to get and stay covered for the whole night and beginning of the next day with chilly. When we got to Mbomo the very first day of the initiation rite we were with guests (Alice and Adi as guides, Sylvie as our camp manager at Ngaga) and we were invited by Goma’s father to “meet” the initiates: the boys were almost naked, they had only a sort of skirt, some lianas over their chests, a kerchief to cover their heads, an ankle bracelet and a genet skin on their side to give them strength and courage and they were not allowed to lift their eyes and look at anyone (black magic is a very popular belief in Congo and not looking in the eyes means no ways to get touched by magicians and féticheuses). When we arrived there were women dancing and singing to give them enough energy for their first day of initiation, and other women were busy cooking saka saka and manioc close by. From a culinary perspective in fact in every circumcision ceremony there are the so called famous trois pièces that has to be served to guests (not having these delicacies is considered a shame): saka saka, manioc and dried fish. All the village usually “invites” itself to the big feast and the host family (Goma’s in this specific occasion) has to provide some food (we already mentioned the famous three pieces that never have to be missing throughout a circumcision ceremony) and some local drinks (palm and corn wines) for everyone; on the other hand, everyone has to help out on some tasks and bring an “envelop” with some money. The initiates were escorted back after having spent some minutes out from their hut; the strong smell of chilly before leaving unpleasantly reminded us their first step into the ritual. Other tests may include: not eating and drinking for a prolonged period of time and challenges where they must endure the pain without tearing, wincing, flinching or falling.  Goma’s father was one of the event organisers and he was hosting the big party giving the possibility to all families to get their children initiated. We received the letter of invitation to this particular ceremony mainly because two members of Goma’s family are currently working with us and they had to invite us as part of their “extended family”; to get the possibility to partake this experience we also had to get there with at least a member of our local staff to be welcomed and to respect the community rules.

The initiation rite to adulthood is a very important step into their communal lives because it generally marks the difference between being accepted or not by the whole community. The forth and last day is the most chaotic, messy, wild, crazy and frenzied. Women performing polyphonic songs, children all around clapping their hands following their mothers, men drinking and dancing. We found ourselves in the middle of this thrilling scene in the hottest time of the day. One by one all the candidates follow the same procedures and the same stages before the actual cutting of the foreskin (performed by traditional doctors and anaesthetists whose medicines all come from the forest): in another special hut built for the ritual their bodies are covered with palm oil and colouring substances (a red colour obtained by grinded lianas and barks); their faces turn white due to a mixture of water and clay mud; on their forehead EKO-… indicates their number in the process; the previously mentioned good luck charms are still in the same position. They walked once the boulevard in front of the hut designed for the circumcision and then, after some dances along the same boulevard and around the main centre of the ceremony performed mainly by women and children, they reappeared on the shoulders of a person selected for this special purpose. We thought he was a member of his family, like a cousin, an older brother, an uncle, but Goma’s father told us that it is the family of the candidate that chooses who has to carry his child toward the final step of the ceremony. They started dancing in an uncontrolled way, shaking colobus’ hairs all around, throwing them towards the crowd to show their courage and readiness to become a man. They danced with the whole village around, always on the shoulders as being protégé and protected from the heat of the Sun with a huge umbrella. As he approached the “circumcision” hut the village started to fall silent; the actual cutting has to be done in absolute silence because the community has to be sure that the boy doesn’t show any sign of pain or suffering. The actual cutting is performed in a special hut and we could not ask any more details about how it is done. After the cutting the candidat was escorted to the river to be washed by some of the eldest and the whole performance started again, with women dancing along the boulevard to introduce the next candidat.

The possibility of partaking in such a characteristic ceremony in the village of Mbomo was for the whole guiding team such an amazing and extraordinary experience. We felt privileged to be invited, we got to know a lot more about this ceremony and the way it works, we finally felt welcomed by the whole village, we shared with them some dances and the joy of this debatable yet special moment of their communal lives.

Tra colori e sapori orientali

Per visitare i mercati galleggianti e il mercato della ferrovia ci affidiamo ad un’agenzia di viaggi, una delle tante che vendono pacchetti classici per visitare le principali attrazioni in Thailandia. Come brave viaggiatrici ci prendiamo un po’ di tempo per contrattare il prezzo e ci accordiamo col paffuto e ridanciano signore per la mattina successiva. Il viaggio da Bangkok al Damnoen Saduak dura all’incirca un’ora e mezza, con tanto di sfiorato incidente lungo la strada è l’ infrazione di almeno cinque codici della strada secondo le leggi occidentali. Arriviamo al Damnoen intorno alla nove; come in ogni Tour che si rispetti ci chiedono di pagare un sovrapprezzo per salire su una minuscola barchetta in legno e visitare i canali. Io e Claudia ci guardiamo un po’ perplesse… Non è forse quello il bello dei mercati galleggianti?!! Quindi senza neanche pensarci decidiamo, come il resto della combriccola, di pagare questo sovrapprezzo ed attendere il nostro turno. I mercati galleggianti rientravano nella top 3 di cose da fare e vedere assolutamente una volta giunta in Thailandia; il dolce scivolare lungo i canali e lo scorgere tableaux vivants ad ogni angolo, lanciando sguardi affascinati a queste vecchine che con una maestria e leggiadria uniche preparano piatti di carne, pesce e frutta in pochi minuti. Il tour dei canali è molto breve e si concentra molto sui bugigattoli ai lati dei canali, quelle rientranze che vendono prodotti thailandesi Made in China. Non mi interessano queste cose; spingo lo sguardo là dove il nostro barcaiolo non ci porta, là dove si intravede la verità del mercato galleggiante. Terminato il giro lungo i canali turistici il tour leader ci lascia una mezz’ora per girare liberamente ed io e Claudia ci stacchiamo immediatamente dal gruppo per raggiungere un angolo appartato, un luogo dove per caso o per volere si sono date appuntamento cinque nonnine, meravigliosi visi solcati da rughe dolci, materne; mani veloci ed al contempo soavi accarezzano la mercanzia che affolla le loro barchette. Sorridono e proseguono le loro conversazioni come se noi non esistessimo; forse perché di fatto per loro non siamo una grande aggiunta alla loro mattinata. Per noi viaggiatrici occidentali invece sono una gioia per gli occhi: rimaniamo incantate da questa riunione femminile che decidiamo di non muoverci di lì per l’intera mezz’ora. Un altro giretto in barca, questa volta una long tail, ci fa visitare un’altra area del Damnoen, anche questa volta evitando accuratamente i canali più piccoli ed autentici.

Ci rimettiamo in strada e volando raggiungiamo l’altra grande attrazione della giornata: il Railway Market, il mercato sulla ferrovia di Maeklong. Il mercato è conosciuto localmente come Talat Rom Hoop, che si può tradurre in “il mercato delle tende che si chiudono” ed è una delle tante stranezze della Thailandia: nel corso degli anni questi autentico mercato thailandese si è così ingrandito che è arrivato ad invadere persino i binari della ferrovia ancora oggi in uso. Più volte al giorno, tutti i santi giorni, sempre ala stessa ora, il treno puntualmente segnala la sua presenza con uno schioppettante CIUFCIUFFFF e tutto il mercato si mobilita per lasciare libero il passaggio: sempre con calma orientale i proprietari delle bancarelle si accingono a richiudere ed impacchettare il loro spazio ed attendono pazientemente il passaggio del treno (che quasi sfiora le tende semichiuse di alcuni banchi). Anche qui c’è talmente tante gente che non riusciamo a godere appieno dell’esperienza; scatto alcune foto ed un video al passaggio e siamo già pronte a tornare verso Bangkok. Avendo ancora del tempo a disposizione decidiamo di incamminarci (no, in realtà non sapendo bene le distanze volevamo concederci un comodo taxi ma tutti i tassisti vicino alla zona di Khaosan erano maleducati e quindi testarde come siamo abbiamo deciso di camminare) per raggiungere la Golden Mount. Il caldo e l’afa sono oramai onnipresenti e ci fanno sbuffare più e più volte durante la scalata alla montagna d’oro ma fatto sta che a fine giornata possiamo rimuovere anche questa attrazione dalla lista. Nonostante la stanchezza brindiamo ala giornata di oggi ed anche a quella di domani, che ci vedrà prendere un volo direzione Krabi, alias acque cristalline del Mare delle Andamane.

Scoprendo la Storia in bicicletta

Il mio amore per il viaggio è più sincero e costante degli altri miei amori e Ayutthaya è stato un viaggio dentro il viaggio, una scoperta (o riscoperta) di un mondo perduto nel tempo, mai dimenticato; un camminare nella storia e ritrovare l’equilibrio spirituale che mi aveva conquistata anni fa quando avevo varcato le soglie del complesso di Angkor. Lasciamo Khaosan Rd all’alba, desiderose di arrivare alla stazione dei minivan di Mo Chit prima dei megagruppi di turisti che abbiamo incontrato il giorno prima in visita al Palazzo Reale. Decidiamo di viaggiare low cost, preferendo appunto il minivan al taxi o ad altre soluzioni più “comode” in modo da risparmiare qualcosina e vivere esattamente a contatto coi locali. Le uniche occidentali su una scatoletta che presto abbandona la caotica Bangkok e sfreccia incontro a assembramenti di casupole e ristorantini che sicuramente non passerebbero un solo controllo sanitario in Occidente. Dopo circa un’ora di viaggio raggiungiamo la nostra destinazione.

Per chi non lo sapesse ancora, Ayutthaya è stata l’antica capitale del regno di Siam e città tra le più popolate e ricche di tutto il mondo, con oltre un milione di abitanti nel periodo di massimo splendore, sino a quando i Birmani nel 1760 invasero in Siam e misero sotto assedio Ayutthaya. “Gli annali di Ayutthaya, i manoscritti contenenti le antiche leggi ed i testi sacri furono portati via o dati alle fiamme. Furono incendiati e distrutti gli edifici e deportata buona parte della popolazione, tra cui circa 2 000 membri della famiglia reale. Ayutthaya fu abbandonata e invasa dalla giungla”. Conoscendo la sua storia e ritrovarsi quasi dopo 300 anni a camminare in quelle stesse vie è una sensazione particolare, è un qualcosa che passa attraverso tutto il corpo dalla pianta dei vostri piedi e arriva dritto al cervello, ci trasporta piano piano prendendoci per mano in un mondo che non c’è più, in un mondo passato ma che ancora adesso è capace di mostrare la sua antica dignità e maestosità.

Ci sono infiniti modi per visitare questo angolo di Thailandia e noi abbiamo scelto il più divertente e forse per quella giornata (umida e torrida… Cla ricordi??!)anche il più faticosa: la bicicletta 🚲. Con la bicicletta ci è stato consegnato un lucchetto e una piccola mappa di Ayutthaya con i templi e le principali attrazioni evidenziate, così da potersi orientare “facilmente” per le strade della città. Come vi dicevo magari per Aprile è stata una scelta un pochino strong… Aprile per chi non lo sapesse è il mese di transizione tra la stagione secca e la stagione delle grandi piogge, un ottimo periodo quindi per visitare la Thailandia senza troppe persone intorno poiché spaventate dall’arrivo delle piogge ma probabilmente il periodo più umido e afoso di tutto l’anno… Quindi preparatevi a bere come cammelli e a dimagrire anche solo mentre state godendo della visione del paesaggio senza muovere un muscolo. Chiusa la parentesi climatica, l’esperienza in bicicletta ad Ayutthaya è stata una delle più emozionanti durante tutta la nostra permanenza in Thailandia, ci siam divertite moltissimo e siamo riuscite ad esplorare anche molto distanti tra loro. Un susseguirsi quasi infinito di templi e strutture sacre, tra le quali tengo a citarne alcune: il Wat Mahathat Temple, conosciutissimo per la famosa testa di una statua del Buddha decapitata durante il saccheggio birmano intrappolata nelle intricate radici di un ficus; il Wat Phra Si Sanphet, dove tre meravigliosi stupa si ergono imponenti verso il cielo; il Wat Ratchaburana, con un maestoso prang perfettamente conservato; o ancora il Wat Thammikarat, dove io e Claudia siamo state benedette (in realtà per la seconda volta nel giro di due giorni) da un monaco serioso che sussurra preghiere a mo di nenia.

La nostra esperienza si conclude nel tardo pomeriggio quando la stanchezza ci assale e ci trasciniamo alla stazione dei minivan con le ultime forze. Rientriamo a Bangkok e ci tuffiamo nell’ormai nostro ristorantino dove decido di concedermi un curry con riso bianco pet pet (molto piccante in thai). E felici ma stravolte ancora una volta puntiamo la sveglia all’alba… Domani è la giornata dei mercati!!!

(Piccola nota per chiunque fosse intenzionato a visitare Ayutthaya: Uno dei tanti tour che vengono venduti per visitare alcuni templi è quello in groppa agli elefanti. Non starò qui a dilungarmi sulle condizioni in cui vengono tenute queste maestose creature ma se voleste vedere e toccare con mano il loro status in Thailandia ed aiutarli recatevi in uno dei tanti santuari che si occupano della loro salvaguardia)

Tra templi antichi, street food e tuk tuk

Affollata. Umida. Calda. Sono i primi tre aggettivi che io e la mia matta amica Claudia decidiamo di affibbiare alla città di Bangkok non appena ci ritroviamo nel bel mezzo del caos degli arrivi al Suvarnabhumi Airport; io in arrivo dal’Italia una sola settimana di rientro dal Congo e lei da Dublino. Io abituata al caldo e alle maniche corte; lei al freddo, agli Ugg e alla pioggia tipica dell’Irlanda. Non ci vediamo da qualche mese ma decidiamo di lasciare le chiacchiere infinite per la serata. Attendiamo pazientemente il nostro taxi e poi ci lanciamo, stanche e desiderose d arrivare in hotel, nel caos della periferia di Bangkok. Raggiungiamo Khaosan Road in circa un’ora e mezza di viaggio e dopo aver letteralmente lanciato le valigie nella guesthouse a due passi dalla famosissima via, veniamo inghiottite dai colori, la vivacità, la massa in movimento, ancora una volta il caos di questa particolare viuzza di Bangkok. Su consiglio di mamma mi lancio su una bancarella di Pad Thai, tipico street food thailandese a base di noodles di riso saltati nel wok con verdure e carne. Claudia ovviamente più scettica di me (dopo quasi due anni in Congo anche il mio stomaco si è adattato a quasi tutto) si lancia sulla frutta e sì delizia il palato con un arcobaleno di sapori. Rientrate in hotel discutiamo il programma per i prossimi giorni; saranno giornate intense e piene di chilometri macinati ma siamo emozionatissime per la scoperta di questa la capitale.

Il primo giorno lo dedichiamo alla Bangkok “classica”, quella che tutti dovrebbero vedere per poter dire di essere stati in Thailandia. Iniziamo il nostro tour de force visitando il Grande Palazzo Reale (500 baht), la residenza ufficiale dei re di Thailandia dal 1785. Nonostante il caldo e l’afa, una miriade di turisti si ammassano in questo gigantesco complesso monumentale; riusciamo comunque a notare la magnificenza di questo susseguirsi di templi, cupole, pinnacoli e padiglioni dorati. Per visitare l’intero complesso sono necessarie almeno due ore, e con un po’ di pazienza facendosi strada tra disordinanti e ciarlieri grupponi di turisti vi riuscirete a rinchiudere per qualche istante nella vostra “bolla” buddista di fronte alla bellezza del Buddha di Smeraldo, della Galleria Ramakien ed al Mausoleo. A pochi passi dal Palazzo Reale si trova un altro magnifico complesso templare, il Wat Pho (200 baht), il più antico e grande complesso di Bangkok. Famosissimo è il Buddha sdraiato, immensa costruzione interamente ricoperta in foglie d’oro che raffigura il momento esatto dell’Illuminazione. Meraviglia unica, peccato solo per la struttura che non permette di osservare la magnifica statua nella sua interezza. Avvicinandosi all’uscita è possibile, per una cifra irrisoria di 20 baht, prendere una ciotolina piena zeppa di monetine e rendere omaggio secondo la tipica tradizione buddhista. Prendetevi almeno un’ora per visitare l’intero complesso perché ne vale davvero la pena. Usciamo da queste prime visite stanche e sudate (per visitare i luoghi sacri bisogna sempre essere rispettosi e mostrare un abbigliamento consono al luogo che state visitando); camminiamo con il naso rivolto all’insù, avvolte da una città alla quale non apparteniamo ma dalla quale siamo già molto affascinate.

Il passo successivo ci porta vicino al fiume, Chao Phraya, dove, dopo una contrattazione di alcuni minuti, decidiamo di imbarcarci sulla tipica long-tail boat tailandese alla scoperta dei canali di Thon Buri (550 baht a persona). È un’esperienza emozionante, una finestra sulla vita caleidoscopica di questa capitale, un viaggio nel tempo che ci riporta ad una Bangkok antica, molto legata all’acqua e a tutto quello che vi ruota attorno (sensazione che si farà di nuovo strada quando visteremo i mercati galleggianti del Damnoen Saduak). Uno scivolare sull’acqua tra canali e quadri impressionistici, ritrovo Monet e quel famosissimo ponte ritratto in uno dei suoi tanti meravigliosi dipinti. Lo Spirito di guida naturalistica che è in me non si placa mai, e mentre costeggiamo casupole decrepite e palafitte instabili riesco a scorgere alcuni variopinti uccelli (che rivedrò a Koh Lanta) e varani d’acqua, che qui si comportano più o meno come animali domestici. Terminiamo il tour in circa un’ora ci facciamo lasciare sull’altra Riva del Chao Phraya per visitare l’ultimo tempio sulla lista del giorno: Wat Arun, il tempio dell’alba (50 baht). Decorazioni strabilianti corrono lungo ogni centimetro di questo possente tempio che domina il fiume; miracoli artistici che quasi appare difficile credere siano stati creati dalla mano dell’uomo.

Girovaghiamo un po’ intorno a questo tempio poi ci imbarchiamo nuovamente e raggiungiamo il celebre Mercato dei Fiori, poco distante dal cangiante quartiere d Chinatown, al quale però devo ammettere non dedichiamo troppo tempo. È il tramonto; lentamente si spegne il nostro primo giorno di tour nella capitale dei sorrisi. Stanche e per fortuna non più affamate (scoviamo un ristorantino vegetariano a due passi dalla nostra guesthouse – Ethos) ci concediamo una doccia rigenerante e mentalmente ci prepariamo ad un’altra sveglia all’alba. Domani ci attende la scoperta di Ayutthaya.

Il Natale visto da un’espatriata

Non sono mai stata una persona religiosa. Sì da piccola con tutta la famiglia si andava alla Messa di Natale ma quello che mi è sempre piaciuto di questo magico periodo dell’anno era proprio l’incanto, le lucine sparse ovunque, gli alberi addobbati, le vetrine dei negozi scintillanti, le guance rosse, lo spirito di festa che si respira semplicemente passeggiando nelle vie principali della mia città… Addirittura i soliti film di Natale che immancabilmente vengono ogni anno riproposti. Da bambina la mia famiglia si riuniva in una casetta piccina piccina, una casetta che tutti noi chiamavamo casa, un nido accogliente e dolce dove tutti avevano un posticino privilegiato: era appunto la casa dei miei nonni paterni. Un luogo magico che sembrava potesse ingrandirsi la notte della vigilia di Natale per ospitarci tutti. Una tradizione che è proseguita per anni quella di cenare tutti insieme la notte prima di Natale, con le canzoncine che si diffondevano in lontananza, la Stella di Natale che passava nelle vie principali, il panettone buono, i cibi deliziosi della mia amata nonna, la camminata infreddolita verso il Duomo, la già citata Messa di Natale con la famiglia, e poi di corsa a casa ad aprire i regali e a posizionare Gesù bambino nel presepe. Questo è il mio Natale, quello che, anche crescendo e cambiando tradizioni e abitudini, è sempre rimasto vivo nella mia mente nonostante ora alcuni dettagli stiano andando sbiadendosi purtroppo. Quando ho iniziato a lavorare in un centro commerciale poi però l’atmosfera natalizia ha iniziato a ricoprirsi di valenza negativa: era il periodo dell’anno che tutte noi commesse di centro commerciale odiamo di più; quello della gente che corre di qua e di là per i negozi senza salutare, ringraziare, guardarti in faccia, sorridere; era il periodo in cui la gente si ammassava all’interno di questa gigantesca scatoletta di latta e spingendosi e sbuffando raccattava regali all’ultimo minuto; era il periodo dell’anno dove le mie amate canzoncine natalizie venivano soffocate dagli urli e schiamazzi di personaggi innominabili che litigavano per l’ultimo gratta e vinci o per una partita al lotto. Negli ultimi anni odiavo il periodo natalizio; il mio lavoro e il mio approccio analitico alle situazioni che mi circondavano quotidianamente mi avevano portato ad odiare un periodo che per me era bellissimo. Un respiro di sollievo il giorno di Natale, ma poi di nuovo venivo risucchiata da quel buco nero.

Il Natale scorso invece è stato molto particolare ed unico: erano giorni di tensioni, ansie, pianti, sorrisi, coccole a casa, preparativi. Un Natale finalmente a casa dopo tantissimo tempo; un Natale con la mia famiglia prima di imbarcarmi per la mia grande avventura africana. Un Natale finalmente come volevo io, con il tempo per addobbare l’albero, passeggiare tra le bancarelle natalizie a Verona, cucinare con la mia mamma, ascoltare All I Want for Christmas is You e Michael Bublé all’infinito. Ed è proprio quello che mi mancherà quest’anno, impossibilitata ad allungare la mia permanenza in Italia un’altra settimana. Non so esattamente cosa sia, se il fuoco acceso, le lucine colorate, le canzoncine o che altro ancora, ma so semplicemente che mi mancherà tantissimo poter dire alla mia famiglia un “ti voglio bene” ricoperto dalla magica polverina dorata che in questo periodo dell’anno impreziosisce e rende tutto più magico.

Stato

La verità nelle fotografie

Sono successe così tante cose che non mi è possibile elencarle tutte; sfuggono alla memoria e cambiano costantemente forma come le nuvole durante la stagione delle piogge qui in Congo. Qui in Congo. Un anno fa tutto questo era ancora una semplice possibilità, un susseguirsi di colloqui e mail, un cercare di convincere persone a chilometri di distanza della mia testardaggine e del mio volerlo davvero, pur non immaginando minimamente la grande esperienza di vita che ne sarebbe seguita. Un sogno dai contorni sbiaditi, come fosse visto da lontano e non fosse possibile mettere a fuoco l’immagine. Poi l’8 dicembre la mail che ha cambiato l’andamento della mia vita negli ultimi 11 mesi. Era il direttore della compagnia che con simpatia e dolcezza mi invitava ad imbarcarmi in questa avventura, mi chiedeva di diventare parte della famiglia Odzala. Corse contro il tempo per avere tutti i documenti necessari, il visto, le vaccinazioni, vestiti, binocolo, gps… Tutto quello che avevo da tanto tempo sperato vissuto in un time lapse.

Lo scorso Natale con la famiglia è stato vissuto con un sapore diverso, un retrogusto di cambiamenti totali non soltanto per me ma per tutta la mia famiglia che da sempre ha sostenuto questa svolta nella mia vita. La felicità e i sorrisi si intrecciavano ad abbracci e pianti sommessi; ho vissuto quegli ultimi giorni a casa sottomessa ad un turbine di emozioni che mi prendevano lo stomaco e non mi lasciavano quasi respirare. “Ma starò facendo una cazzata? E se poi non mi piace? E se poi non ce la faccio? E se è troppo difficile? Ma è la cosa giusta?” La solita me che cercava di dare risposte a domande che non potevano ancora trovare risposta; la solita me che voleva tenere tutto sotto controllo, quando invece doveva soltanto lasciare le redini e fidarsi del suo istinto fino in fondo per una volta.

Il 6 gennaio la partenza; fisica, mentale, psicologica, una partenza che ha lasciato mamma e papà in aeroporto con le lacrime soffocate sotto un sorriso un po’ sforzato e ha metaforicamente dato un calcio nel c**o a tutti quelli che pensavano fosse soltanto “una cosa passeggera”, come fosse un’influenza. L’arrivo in Congo è stato… Non ve lo so descrivere a parole; è stato come tutte le cose più grandi di noi spaventoso. Non mi nascondo dietro niente, lo ammetto orgogliosa e fiera di essermi sbagliata. Le prime settimane volevo correre a casa, volevo tornare alla mia vita, a quella che mi vedeva muovermi tipo pedina nella mia comfort zone avanti ed indietro da un centro commerciale, serate con amici, cinema, cene fuori, serate in famiglia. Volevo in maniera smisurata qualcuno che dicesse: “Ecco qua il tuo biglietto per ritornare da dove sei venuta”. Poi, non so bene quando, non so bene dove o perché, il mio cervello ha fatto click, ha spento e riattivato i sistemi e ha guardato forse per la prima volta quello che mi stava succedendo in maniera quasi oggettiva, da fuori, spettatrice di me stessa. E ho sorriso. E ho continuato a sorridere. E a crederci. Anche dopo essermi persa in foresta. Anche dopo la prima carica di un’elefante. Anche dopo le centinaia di cicatrici che hanno iniziato a dipingere il mio corpo, piccoli ricordi di percorsi in foresta in mezzo a liane, spine ed insetti. Anche dopo che SJ, la ragazza con la quale avevo più legato nei primi mesi, ha deciso di andarsene perché “troppo difficile e distante da tutto”. Anche dopo essermi persa nuovamente in foresta. Una delle cose più belle e gratificanti successe in quest’anno è l’essere riuscita a conquistare la fiducia ed il rispetto di persone che sono sicura all’inizio mi vedevano come “la ragazza occidentale, che cacchio ci fa qui, adesso intanto molla”. Poco alla volta, senza che lo esplicitassi, anche a casa hanno capito che qualcosa era cambiato. Il sorriso nelle foto era diverso, era vero, sincero, pulito; le fotografie parlavano e spiegavano cose che a chilometri di distanza sono davvero difficili da descrivere: le camminate nel fango, le giornate passate in foresta, le corse sotto la pioggia scrosciante, le risate con persone sconosciute che ora chiamo amici; le fotografie erano la prova tangibile che andava tutto bene. I mesi correvano via veloci e pieni di esperienze, emozioni, collage di ricordi, volti nuovi, presenze, alcune passeggere altre più durature.

E voltandomi adesso vedo un percorsi tutto in salita, vedo i chilometri macinati in questi mesi, vedo il sudore, i pianti, le risate, i piedi nudi nell’acqua, le spine nei piedi, le partite a carte, i sorrisi, i campeggi, gli scarafaggi nel letto, gli elefanti silenziosi, i bufali curiosi, le iene chiacchierone, i gorilla, le lucciole a Mboko, la pioggia che culla a Ngaga, il concerto di rane a Lango. Rivedo tutto solo chiudendo gli occhi. E sorrido.

Digressione

Faccia a Faccia con la Nuova Me

È stata una sorpresa inaspettata e bellissima questa intervista; come si dice il caso: un mio caro amico ha parlato di me ad un giornalista e quest’ultimo, catturato dalla pazzia di una ragazza occidentale che decide di lasciare tutto per rincorrere un qualcosa che da molti è stato definito utopico, ha deciso di incontrarmi e di mettere nero su bianco un’esperienza di vita, un percorso accidentato e difficile che a fine giornata mi porta sempre a sorridere ed a pensare che sì, può essere stancante, pesante, duro, faticoso, ma se alla fine tutto questo mi porta ad avere questo sorriso sulla faccia non importa quello che gli altri dicono o pensano. Questa è la strada giusta per me.

Grazie ancora Mattia Francesconi per questo regalo e per aver reso giustizia ad un posto magico come l’Odzala National Park.

Buona lettura!!!