Citazione

Il profumo della foresta

Entrare nella foresta di notte è un’esperienza sensoriale: la vista si rigenera perdendosi nel verde sconfinato; l’udito si rasserena grazie al suono assordante del silenzio; il tatto si arriva grazie al contatto vitale con l’ambiente; il gusto e l’olfatto si inebriano grazie al profumo intenso dei suoi elementi. La foresta di notte ha il profumo di emozioni non ancora provate, di amori non ancora incontrati, di sensazioni primordiali, di libri antichi ordinatamente riposti in scaffali polverosi, di un buon bicchiere di vino rosso, di terra bagnata, di muschi selvatici, di purezza, di pioggia primaverile, di alberi secolari, di libertà.

Sotto una coperta di stelle la Notte sparge parsimoniosa questa essenza in tutti gli angoli della Foresta, regalando all’Uomo una porta per un altrove arcano, una dimensione che inesorabilmente è destinata a scomparire con le prime luci del nuovo giorno.

Annunci

L’arrivo delle piogge

La più bella e perfetta immersione nella foresta del Congo la provo ogni volta che mi trovo in prossimità del Lékoli, uno dei maggiori affluenti del Mambili, che a sua volta arricchisce le acque del fiume più profondo al mondo, il Congo. L’arrivo della stagione delle piogge ha trasformato il paesaggio intorno a me ed ancora una volta la natura si diverte a modificarsi davanti ai miei occhi: quelle che prima erano zone percorribili a piedi, ora sono distese paludose, alcune addirittura completamente sommerse; tutto appare diverso; il Lékoli in una manciata di giorni si è trasformato da semplice rio a possente fiume in piena, riconquistando le sue rive e nascondendo le meravigliose radici delle Uapaca che corrono lungo tutto il suo corso; la sua forza è ora dirompente, incondizionata, impetuosa, incontenibile. Le piogge colpiscono la regione nella quale mi trovo a cadenza regolare, ogni 2/3 giorni il cielo improvvisamente si tinge di colori cupi, intensi; ogni lampo crea squarci di luce abbagliante, ogni tuono rimbomba nella foresta per diversi istanti. Ed infine la pioggia, carica e selvaggia come tutto quello che mi circonda, riempie la foresta. Giocare con la natura in queste giornate è oramai parte del mio essere: si cammina a piedi nudi nel campo per evitare di rimanere ancorati al suolo, si respira il profumo dell’acqua, ci si perde ad osservare le nubi che cambiano forma e colore ad ogni battito di ciglia. Ed ogni volta che me ne viene data la possibilità si corre al fiume perché la pioggia sul fiume è un qualcosa di magico, primordiale.

… E mentre i miei ospiti si godono una birra fredda ed il passaggio di un elefante di foresta nella baia di Lango, io rivolgo il mio sguardo altrove, verso queste pennellate di colore tanto belle da sembrare surreali. È la risposta silenziosa della foresta del Congo a tutte le mie domande, a tutti i miei dubbi, alle mie indecisioni, ed ai i ripensamenti; è questione di secondi, di pochi istanti prima che tutto svanisca: un’esplosione di colori e rumori che mi ricordano perché ho iniziato questo fantastico viaggio. Nonostante tutte le difficoltà, nonostante le cadute, nonostante le sveglie alle quattro di mattina, le camminate di ore nella foresta pluviale sotto una pioggia incessante, le ore di sonno mancato, gli incontri più pericolosi nel bel mezzo del nulla, nonostante il mio dare il massimo ma al tempo stesso non sentirmi mai all’altezza, nonostante tutto la foresta stasera mi sussurra silenziosamente che è dalla mia parte. Dopo i primi mesi in Congo ho compreso che non bisogna aspettarsi nulla dalla foresta, che non occorre avere fretta, che è lei a governare, che bisogna perdersi per poter eventualmente ritrovare la strada, che tutto nella foresta deve essere capito e decifrato. Stasera la foresta mi impone di sorridere e l’unica cosa che posso fare è ricambiare amichevolmente questo sorriso selvaggio.

A tu per tu con Magdalena Bermejo

Non fate complimenti a questa donna, potrebbe risentirsene. Il primo incontro con Magda avviene in modo un po’ casuale, scambiamo qualche frase in spagnolo, si dice felice di avere finalmente una guida che possa capire la sua lingua, io sorrido e dentro di me penso soltanto alla fortuna che potrò trarre da questi mesi nella foresta con la primatologa e ricercatrice di gorilla di pianura occidentale per eccellenza. Non azzardatevi a paragonarla a Dian Fossey o ad altri nomi importanti che costellano la ricerca sul campo di scimpanzé e gorilla; non pensate neanche lontanamente di rivolgerle qualche attenzione in più del dovuto, non vuole sentirsi trattata come “quella speciale che da più di 20 anni segue i gorilla di pianura giorno dopo giorno” nonostante lo sia. Magdalena Bermejo dedica la sua vita alla ricerca: dal 1991 insieme al marito German dopo svariati viaggi in Africa che la conducono ad amare questo mondo così lontano da quello occidentalizzato nel quale è crescita ed ha studiato vive nelle foreste pluviali del Congo, conducendo ricerche sempre più approfondite sullo stato e sulla protezione dei gorilla, diventando di fatto l’unica vera esponente degli studi sui gorilla di pianura in quello che diverrà il Lossi Gorilla Sanctuary (maggio 2001). Una svolta nella storia della ricerca sui gorilla di pianura: l’adattamento di alcuni individui al genere umano. Il lavoro di ricerca a Lossi culmina con l’individuazione di 10 gruppi sociali in una popolazione di 143 individui. Il National Geographic nota questa importante personalità e le dedica un video documentario nel 2001. Tra la fine del 2002 e l’inizio del 2003 la tragedia: il virus Ebola attacca la popolazione di gorilla, oltre che alcuni villaggi nelle vicinanze del santuario, e causa la morte di 130 dei 143 esemplari. Partendo dai risultati della ricerca sul campo, la Bermejo e la sua squadra stimano che in un’area di 2700 km quadrati all’incirca 5000 gorilla trovano la morte a causa della propagazione del virus. È a causa di questa disgrazia che lo IUCN, (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) classifica i gorilla di pianura come “CriticallyEndangered“, un passo indietro da “Extinct in the Wild“. La ricerca della Bermejo si sposta finalmente nel 2009 nei territori vicino all’Odzala Kokoua National Park, dove viene individuata un’altissima concentrazione di gorilla di pianura e dove, con l’aiuto di Sabine Plattner, della SPAC e della CCC, crea un campo di ricerca strettamente connesso all’idea di turismo ecosostenibile e conservazionista. Il turista che visita gli Odzala Discovery Camps non è soltanto un semplice viaggiatore: per noi e per il concetto che sta alla base del nostro lavoro è un ricercatore, uno scienziato, un ambasciatore del progetto di conservazione che è in atto in questi territori così selvaggi e lontani dall’interesse della stampa internazionale.

Digressione

Primi racconti di un’Africa lontana

Non è per nulla facile descrivere a parole in mondo che mi ha risucchiato da oramai più di una settimana. Dimenticatevi l’Africa dei grandi felini, l’Africa dai grandi spazi aperti e pianeggianti, l’Africa degli impala e delle gigantesche acacie che disegnano silhouettes perfette, l’Africa un po’ occidentalizzata e sorridente che si intravede in alcuni documentari, dimenticatevi il safari comodamente vissuto su di una Jeep 4X4 che si muove seguendo percorsi più e più volte tracciati da precedenti driving. Dimenticatevi dell’Africa così come noi tutti la immaginiamo.Non è questa l’Africa che vi aspetta in Congo. Mettete in valigia una buona dose di energia e spirito d’avventura, scarpe comode e litri di anti zanzare e preparatevi all’inaspettato ed all’ignoto.

Non so decifrare ancora la prima reazione che ho avuto sorvolando l’immensità dell’Odzala-Kokoua National Park: chilometri sconfinati di Natura selvaggia ed incontaminata scorrevano sotto il mio sguardo attento e più cercavo somiglianze con la mia Africa, più mi rendevo conto che non ce n’erano. La difficoltà di trovare uno spazio aperto in tutto quel verde sottostante mi ha per un attimo terrorizzata: nonostante fossi conscia sin dall’inizio del viaggio che non sarebbe stato semplice, il respiro per un attimo è diventato frenetico e la testa ha cominciato a fantasticare cercando di non pensare a tutto quello che a centinaia di metri di distanza scorreva come un fiume in piena sotto i miei piedi. Gli Odzala Discovery Camps sono disseminati all’interno di questo mosaico composto da foreste, fiumi, savana e saline; si perdono nella sua vastità. Il campo principale è Mboko Camp, situato a pochissima distanza da uno dei fiumi principali di quest’area, il Lékoli e da uno dei suoi affluenti, il Lékénie. Un secondo campo, Lango Camp, relativamente più piccolo, si trova ad una manciata di km dal principale e la vista da questo gioiello è mozzafiato: il deck si affaccia su Lango Bai, luogo di ritrovo quotidiano di bufali, elefanti, scimmie ed un numero indicibile di specie di uccelli che si radunano in questa salina in cerca di acqua e sali minerali. Il terzo campo, Ngaga Camp, si trova a 12 km dal confine occidentale del parco, nella Ndzehi Concession ed è uno dei pochi luoghi al mondo dove potrete avere un incontro privato con la più grande popolazione esistente di gorilla di pianura.

• Ilgo Forest •Vivere in questo mondo ti impone di diventare cieco e di imparare ad utilizzare tutti gli altri sensi: in primis l’udito, la foresta intorno a te si muove, si anima ad ogni tuo passo, non si scompone ma ti parla, ti lascia entrare nelle sue vene ma ti ricorda che è lei a comandare, ti permette di visitarla, ma ti impone attenzione. Tutto nella foresta deve essere decifrato, deve essere ascoltato, annusato, toccato, sentito. Devi in ogni singolo instante, in ogni singolo passo che muovi, ricordati di essere una pedina e non il giocatore. I rumori ti inghiottono e se vuoi capire la foresta, devi capirne il linguaggio. Ci si muove al rallentatore alle volte, cercando stupidamente di evitare rami secchi e costellazioni di frutti, foglie e fiori che ricoprono la vegetazione. Lo sguardo si sposta in tutte le direzioni, tutto è diverso e paradossalmente sempre uguale, la foresta ti schiaccia con la presenza incombente di alberi alti 30, 40, 50 metri e ti disorienta, ti costringe a perderti nei suoi dedali. Le zone acquitrinose e fangose sono ovunque, non importa se la stagione è quella delle piogge o quella secca, preparatevi a rimanere ancorati al suolo, coperti dal fango e probabilmente da qualche goccia di pioggia che inevitabilmente accompagna il vostro soggiorno in Congo. Gli animali giocano coi vostri sensi e si prendono gioco di voi se possibile: le scimmie si rincorrono sugli alberi e sfuggono al vostro sguardo disabituato alla ricerca, gli elefanti giocano a nascondino e non so ancora spiegarmi come sono sempre loro a vincere, i bufali vi aspettano dietro ogni anfratto e vi guardano con sguardo interrogativo, forse in questo angolo di Natura ancora alcuni ignorano la nostra stessa esistenza, gli insetti giocano coi colori e si mimetizzano con le sfumature della foresta. Nulla in questa descrizione ricorda lontanamente l’Africa dei grandi Safari fotografici, nulla qui è ancora stato disturbato dalla presenza dell’uomo, tutto richiama la condizione originale dell’uomo, un essenza spazio-temporale che non ci appartiene più e proprio per questo vorremmo riuscire a conquistare la, a diventare noi gli artefici del gioco. Non so ancora bene dove conduce questa avventura, ma di una cosa sono certa: la foresta non è domabile.

Digressione

Ma in Africa quanti Congo esistono?

Quando ho comunicato a parenti ed amici che avevo firmato un contratto per una zona remota del Congo, le espressioni che si sono succedute sulle loro facce sono state un miscuglio di paura, terrore, ansia e “MaQuestaNonÈNormale”. Questo perché la maggior parte delle persone con cui mi è capitato di parlare a proposito di questa mia strabiliante nuova avventura non era a conoscenza del fatto che l’Africa ospita ben DUE ✌️ CONGO, due Paesi confinanti geograficamente parlando, ma così distanti per civiltà, sicurezza e sviluppo economico. La Repubblica del Congo (dove appunto si trova l’Odzala-Kokoua National Park) è un’ex-colonia francese la cui capitale, Brazzaville, cittadina di stampo coloniale, sorge sulle rive del grande fiume Congo. Da non confondere assolutamente con la vicinissima Repubblica Democratica del Congo (DRC), questo Congo appare calmo, rilassato, mosso dalla tipica tranquillità africana e in rapido sviluppo economico. La sua storia ha inizio nel XIX secolo con le spedizioni e le esplorazioni di Pierre Savorgnan de Brazza. Notoriamente conosciuta come “la piccola Parigi africana”, l’influenza francese si respira anche solo passeggiando nelle coloratissime strade della capitale, considerata una delle città più sicure d’Africa: ci si imbatte in venditori di fiori, boulangeries dalle cui porte si avverte il profumo del pane 🥖 appena sfornato, cafès parigini trapiantati in questa terra ancora poco esplorata. Trovandosi nella parte centro-occidentale dell’Africa sub-sahariana a cavallo dell’Equatore, Congo-Brazzaville presenta un clima equatoriale o sub-equatoriale, con abbondanti piogge e un tasso medio elevatissimo di umidità (la maggior parte delle sue terre, più del 65%, è ricoperto da fitte foreste pluviali, i polmoni verdi del nostro pianeta). L’Odzala National Park si trova a pochissima distanza dall’Equatore (emisfero nord) con una prima stagione secca (è errato definirla in questo modo, perché il Congo, esattamente come altri Paesi che corrono lungo l’Equatore non presenta una netta distinzione tra stagione secca/delle piogge) che si estende da Giugno a Settembre ed una seconda da Dicembre a Febbraio: durante questi periodi dell’anno si possono riscontrare temperature leggermente più basse ed un livello d’umidità inferiore rispetto ai restanti mesi, anche se le piogge possono sorprendervi in qualunque momento della vostra spedizione. La stagione delle piogge va da Marzo a Maggio, e da Settembre a Novembre: temporali torrenziali e sfumature ammalianti colorano il cielo in ogni istante della giornata, regalando ai fotografi più wild scatti davvero strepitosi.Nel prossimo post mi dedicherò al packaging, alias come affrontare la preparazione della vostra valigia per un viaggio del genere. • Stay tuned •

Stato

Una Nuova Grande Avventura

L’Odzala-Kokuoa National Park è una gemma ancora poco conosciuta dal turismo internazionale, nonostante sia uno dei parchi più antichi d’Africa fondato nel 1935 dall’amministrazione francese e la seconda foresta tropicale più vasta al mondo dopo quella amazzonica, incastonata nel cuore dell’enorme area di foresta sul bacino del fiume Congo. Il parco copre una superficie di circa 13.600 chilometri quadrati, arrivando ad ospitare una moltitudine di habitats ed ecozone differenti: si passa dall’intricata foresta tropicale, casa indiscussa della popolazione più numerosa di gorilla di pianura (Western Lowland Gorillas), alla savana tipicamente africana, arrivando a zone paludose e caratteristiche di questo microcosmo, le cosiddette saline (Bais in inglese): zone acquitrinose e fangose che costellano l’altrimenti fittissima foresta congolese, luoghi di ritrovo quotidiani di alcuni animali che utilizzano queste pozze di grandezza variabile (raggiungono i dieci ettari di vastità) per cibarsi, abbeverarsi, o semplicemente immergersi in queste vasche naturali. L’immensa e sconfinata regione dell’Odzala ospita un’infinità di specie differenti ed alcune endemiche di questo luogo magico: oltre ai magnifici gorilla di pianura, compiere una spedizione all’interno del parco significa avere la possibilità di incontrare elefanti di foresta, più di 100 diverse specie di mammiferi, oltre 430 specie di uccelli dai colori stravaganti e variegati e un numero indicibile di piante e fiori; antichi giganti silenziosi si innalzano verso un cielo sempre instabile per oltre 50 metri, orchidee selvatiche si arrampicano sui rami aggrovigliati, e un tappeto di semi, foglie, fiori e frutti ricopre il terreno umido. Gli Odzala Discovery Camps sono una collezione di tre eco-lodges extra lusso (due di questi lodges • Mboko e Lango Camps • situati all’interno del parco nazionale, mentre il terzo • Ngaga Camp • collocato in una concessione privata ai margini del parco, nella Ndzehi Forest) gestiti dalla Congo Conservation Company (CCC) e di proprietà di Sabine Plattner, unione che, oltre a garantire un incontro straordinario ed unico con la foresta congolese, sostiene attraverso differenti progetti di volontariato e conservazione le quasi 80000 persone che sopravvivono nei villaggetti che costellano il perimetro del parco naturale (SPAC).


Vi starete forse chiedendo perché mai vi stia parlando di questa zona remota d’Africa… La perseveranza e la tenacia portano sempre ad un risultato, anche se accompagnate da un’infinita serie di giornate black-mood, umori neri, momenti di sconforto e di totale sfiducia. Dopo quasi un anno le mie ricerche incessanti sono approdate in Congo (magari in un altro post vi racconterò anche come😊dato che con tutta sincerità il Congo non era proprio sulla mia lista), e dopo una serie deludente di NO è arrivato il fatidico SÌ!!! Non ho pensato neanche per un secondo di non cogliere questa straordinaria opportunità: ricevuto e firmato il contratto con la CCC il giorno seguente mi sono recata a rassegnare le tanto temute dimissioni col sorriso stampato sulla faccia e nel cuore un miscuglio di emozioni che a parole non si possono neanche elencare tutte: paura, ansia, tensione, euforia, orgoglio, serenità, speranza, ottimismo…mal d’Africa.

La mia avventura all’interno dell’Odzala-Kokuoa partirà il 6 gennaio!!! Spero di riuscire (Wi-Fi e tempo permettendo) a postare almeno un racconto a settimana, tenendovi sempre aggiornati riguardo a tutto quel mondo che si offrirà ai miei occhi, alle difficoltà che dovrò affrontare, alle persone che entreranno a far parte della mia vita africana, agli incontri magici che la foresta mi offrirà. Quindi questa volta davvero amici stay tuned e aspettate aggiornamenti africani!!!

Digressione

Perché gli italiani dovrebbero essere contrari allo Ius Soli

Sul capitolo “immigrazione” si stanno scrivendo capitoli interi della Storia della nostra società, racconti stratificati di migranti ed extracomunitari abbarbicati sulle spalle di questa povera Italia che si mantiene oramai da troppo tempo instabile sull’orlo di un precipizio e che preferisce fagocitare indistintamente giovani d’oltremare piuttosto che prendersi cura del futuro dei suoi figli. C’è chi leggendo queste prime righe penserà che i miei pensieri siano intrisi di razzismo e sentimento xenofobo, ma così non è; seguono soltanto una delle vicende che da mesi fa discutere e parlare di sè, senza alle volte capirne bene la questione cardine: sto parlando del famigerato Ius Soli, legge caldamente sostenuta dal Pd, osteggiata dalle forze di opposizione come Lega Nord e Forza Italia, legge che di fatto comporta la concessione automatica della cittadinanza a chiunque nasca nel nostro Paese, o che almeno abbia frequentato cinque anni la nostra scuola ed abbia così ipoteticamente appreso i fondamenti essenziali della cultura italiana. Ma queste sono solo bazzecole, quisquilie politiche e falsamente filantropiche che nascondono il vero nocciolo della questione; perché l’estensione della cittadinanza italiana non è argomentazione di destra o sinistra, ma è una questione nazionale. È quindi necessario e lecito che ogni cittadino italiano si ponga una semplicissima domanda: è corretto che la cittadinanza venga riconosciuta a chiunque nasca all’interno dei confini italici, diversamente da come avviene ora, e quindi anche indipendentemente dalla cittadinanza posseduta dai genitori? È universalmente corretto che una legge venda la cittadinanza italiana come un semplice prodotto da banco? 

Non sono contraria all’integrazione, al multiculturalismo e al melting pot per la costruzione di un’identità condivisa; sono contraria all’omologazione di fabbrica, alla distruzione stessa del concetto di cittadinanza. La cittadinanza italiana non è un valido strumento di integrazione, non serve possedere un foglio per sentirsi parte di una stessa comunità o per atteggiarsi come tali; la cittadinanza italiana comporta in primis regole, diritti e doveri che ogni singolo cittadino deve o dovrebbe sostenere e rispettare. Anzi, se lanciamo uno sguardo ai nostri vicini di casa, i francesi ed i belgi, ci rendiamo conto di come questa legge abbia chiaramente fallito: all’interno dei loro paesi con il riconoscimento di fatto della cittadinanza nella maggior parte dei casi non si è ottenuto un allargamento della società esistente ma il contrario, ovvero la nascita di un mosaico ininterrotto ed eterogeneo di comunità totalmente diverse. La cittadinanza italiana è necessaria se non fondamentale per la tutela della cultura e dell’identità della nostra popolazione e quindi per la nostra sopravvivenza messa ogni giorno sempre più a rischio da uno sbilanciamento etnico e di fatto anche demografico con generazioni che per motivi religiosi, sociali, culturali e chi più ne ha più ne metta non potranno mai fondersi completamente. Quando parlando citiamo “l’etnicità” di una persona non rivestiamo tale appellativo di valenza razzista, ma riconosciamo l’universalità di tale caratterizzazione: parlando ad esempio di un cinese a tutti in modo universale verranno in mente determinati canoni fisici, l’appartenenza allo stesso ceppo linguistico, la stessa millenaria cultura.  

Prendiamo anche in considerazione il fatto che una legge del genere, che garantirebbe la cittadinanza a chiunque si trovi nel Paese al momento della nascita (fermo restando regolare permesso di soggiorno da parte di almeno uno dei coniugi nella coppia), potrebbe essere un fattore scatenante per una sempre maggiore ondata di immigrazioni nel nostro Paese (cosa che già avviene nei paesi europei che adottano questa norma). Moltissimi paesi nei quali lo Ius Soli era stato precedentemente approvato e messo in atto hanno fatto marcia indietro e hanno ammesso la sconfitta abbandonando la concessione della cittadinanza (lo ius soli che è così di moda è stato abbandonato in 53 anni da 37 nazioni #“The Citizenship Laws Dataset”). Non serve regalare la cittadinanza agli immigrati per esasperare l’idea di accoglienza e di generosità; non serve a niente rendere sulla carta tutti uguali gli uni agli altri indistintamente se poi l’omogeneità non si concretizza nella società esistente; non ha senso se non addirittura è paradossale l’idea che noi italiani possiamo accettare di perdere la nostra identità culturale e storica per un’omologazione legalizzata.