L’arrivo delle piogge

La più bella e perfetta immersione nella foresta del Congo la provo ogni volta che mi trovo in prossimità del Lékoli, uno dei maggiori affluenti del Mambili, che a sua volta arricchisce le acque del fiume più profondo al mondo, il Congo. L’arrivo della stagione delle piogge ha trasformato il paesaggio intorno a me ed ancora una volta la natura si diverte a modificarsi davanti ai miei occhi: quelle che prima erano zone percorribili a piedi, ora sono distese paludose, alcune addirittura completamente sommerse; tutto appare diverso; il Lékoli in una manciata di giorni si è trasformato da semplice rio a possente fiume in piena, riconquistando le sue rive e nascondendo le meravigliose radici delle Uapaca che corrono lungo tutto il suo corso; la sua forza è ora dirompente, incondizionata, impetuosa, incontenibile. Le piogge colpiscono la regione nella quale mi trovo a cadenza regolare, ogni 2/3 giorni il cielo improvvisamente si tinge di colori cupi, intensi; ogni lampo crea squarci di luce abbagliante, ogni tuono rimbomba nella foresta per diversi istanti. Ed infine la pioggia, carica e selvaggia come tutto quello che mi circonda, riempie la foresta. Giocare con la natura in queste giornate è oramai parte del mio essere: si cammina a piedi nudi nel campo per evitare di rimanere ancorati al suolo, si respira il profumo dell’acqua, ci si perde ad osservare le nubi che cambiano forma e colore ad ogni battito di ciglia. Ed ogni volta che me ne viene data la possibilità si corre al fiume perché la pioggia sul fiume è un qualcosa di magico, primordiale.

… E mentre i miei ospiti si godono una birra fredda ed il passaggio di un elefante di foresta nella baia di Lango, io rivolgo il mio sguardo altrove, verso queste pennellate di colore tanto belle da sembrare surreali. È la risposta silenziosa della foresta del Congo a tutte le mie domande, a tutti i miei dubbi, alle mie indecisioni, ed ai i ripensamenti; è questione di secondi, di pochi istanti prima che tutto svanisca: un’esplosione di colori e rumori che mi ricordano perché ho iniziato questo fantastico viaggio. Nonostante tutte le difficoltà, nonostante le cadute, nonostante le sveglie alle quattro di mattina, le camminate di ore nella foresta pluviale sotto una pioggia incessante, le ore di sonno mancato, gli incontri più pericolosi nel bel mezzo del nulla, nonostante il mio dare il massimo ma al tempo stesso non sentirmi mai all’altezza, nonostante tutto la foresta stasera mi sussurra silenziosamente che è dalla mia parte. Dopo i primi mesi in Congo ho compreso che non bisogna aspettarsi nulla dalla foresta, che non occorre avere fretta, che è lei a governare, che bisogna perdersi per poter eventualmente ritrovare la strada, che tutto nella foresta deve essere capito e decifrato. Stasera la foresta mi impone di sorridere e l’unica cosa che posso fare è ricambiare amichevolmente questo sorriso selvaggio.


6 risposte a "L’arrivo delle piogge"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...