Autumn in Valencia

Città delle Arti e delle ScienzeOggi vi porto a…Valencia. Dall’aeroporto prendiamo direttamente la metropolitana, linea 3, direzione Rafelbunyol. Scendiamo circa a metà strada, fermata Xativa, a nord della città, a pochi passi dal nostro hotel, l’Hostal Venecia (www.hotelvenecia.com), trovato tramite booking ma prenotato direttamente dal sito dell’albergo, ubicato in una delle piazze principali della città, Plaza del Ayuntamiento, e a 5 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria Estació del Nord. Giusto il tempo di liberarci del peso delle valigie e di cambiarci gli abiti, iniziamo subito il tour della città. Facciamo un primo giro in Plaza del Ayuntamiento: guardando verso nord troviamo il bivio che ci porterà o alla zona del mercato centrale e lonja o verso Plaza de la Reina, a sud la piazza termina con la stazione centrale dei treni e la famosa Plaza de toros, nel lato ovest invece troviamo il palazzo del Comune e l’edificio centrale delle poste. Decidiamo quindi di incamminarci verso Plaza de la Reina, dove imponente svetta la Cattedrale, che colpisce sicuramente per l’armonia con la quale i diversi stili architettonici (romanico, gotico e barocco spagnolo) si fondono insieme. La pancia inizia a brontolare e quindi decidiamo di concederci una pausa in uno dei locali più caratteristici non solo di Valencia, ma di numerose città della Spagna: la Cerveceria 100 Montaditos: divertente ed economico, potete scegliere tra 100 diversi tipi di paninetti, tutti gustosi e sfiziosi! Dopo la pausa di ristoro decidiamo di visitare la Cattedrale; la visita è a pagamento: l’ingresso costa 3 euro a persona e dà diritto ad accedere alla Cattedrale, alla Cappella del Santo Caliz e alla torre del Miguelete. Finita la visita ci dirigiamo verso Plaza Redonda, una delle piazze più rappresentative di Valencia: conosciuta dai valenciani come “El Clot” (La Buca) per la sua particolare forma, ospita diverse botteghe dei merciai che vendono tantissimi tipi di stoffe. Concludiamo la giornata oltrepassando Plaza del Ayuntamiento e raggiungendo la Stazione del Nord, enorme edificio che sembra un castello delle favole e concludiamo la nostra prima visita della città con tapas e un aperitivino leggero!!!Plaza del Ajuntamiento

La sveglia suona abbastanza presto, così da essere pronti per uscire dalla stanza per le 8:45.Scendiamo in piazza e ci dirigiamo presso il punto informazioni situato davanti all’ufficio delle poste. Qui richiediamo l’acquisto combinato della Valencia Tourist Card per la validità di 72 ore e il biglietto per l’Oceanogràfic, il Museo delle Scienze e l’Hemisfèric per un totale di 98 euro per due adulti (Se la vostra vacanza è stata organizzata con anticipo potete anche acquistare la Valencia Tourist Card e altri biglietti per le attrazioni tramite l’apposito sito internet dedicato: www.valenciatouristcard.com). Prendiamo la metro in direzione Neptu scendendo alla fermata Alameda, situata all’interno dei Giardini del Turia. Con molta tranquillità ci dirigiamo verso la Città delle Arti e delle Scienze, opera dell’architetto valenciano Santiago Calatrava. Avvicinandosi alla Ciudad si ha sin da subito l’impressione di immergersi in un’altra realtà: quello che più colpisce di tutte le strutture è la lucentezza e l’armonia creata dai colori scelti dal Calatrava, il bianco e l’azzurro, che si fondono perfettamente insieme dando un senso di pace e di tranquillità. Passata l’Opera si incontra l’Hemisferic, all’interno del quale si trova il cinema della città e il Museo delle Scienze Principe Filippo, uno spettacolo architettonico oltre che scientifico!!! All’interno del museo potrete trovare migliaia di attività interattive, dove il turista curioso può testare personalmente tutte le attrazioni, arrivando a stupirsi e a non credere ai propri occhi. A dieci minuti dal museo si trova l’Oceanografico, il più grande parco marino d’Europa, dove sono ospitate migliaia di specie marine. Ci entusiasmiamo entrando nei diversi mondi acquatici e vedendo animali che raramente capita di vedere in altre strutture del genere. La nostra visita termina alle 17 circa, poi stanchi ma strabiliati dalle bellezze che la Ciudad ci ha offerto, percorriamo a ritroso i Giardini del Turia e ci dirigiamo nuovamente verso la metropolitana, che in una manciata di minuti ci riporta a Plaza del Ayuntamiento. La sera raggiungiamo Plaza de la Reina per un aperitivo a base di tapas e agua de Valencia, cocktail a base di Cava o champagne, succo d’arancia, vodka e gin. Aperitivo squisito, credo di poter affermare di aver mangiato le migliori tapas del nostro soggiorno a Valencia; la serata prosegue così, tra risate e chiacchiere prima di rituffarci nel lettone per ricaricare le batterie ed essere pronti per la giornata che ci aspetta

Il terzo giorno, oltrepassando nuovamente Plaza Redonda, arriviamo in Plaza del Mercado, dove si trova uno dei mercati coperti più grandi d’Europa. Dopo un pò di shopping, ci spostiamo di qualche metro e raggiungiamo La Lonja de la Seda, un edificio gotico che un tempo ospitava il mercato della seta. L’accesso è libero, quindi perdeteci almeno mezz’ora per ammirare il grande salone vicino all’entrata e il Consulado del Mar, una grande sala dal soffitto a cassettoni in legno. Usciti dall’edificio decidiamo di dirigerci in Plaza de la Virgen, poco distante da Plaza de la Reina; uno dei cuori pulsanti di Valencia, la piazza è circondata da alcuni dei palazzi più importanti della città: la cattedrale, la basilica de la Virgen de los Desemparados e dal Palacio de Generalitat. Ogni giovedì a mezzogiorno si riunisce il “Tribunale delle Acque”, una vera e propria istituzione valenciana: Il “Tribunal de las Aguas de Valencia”è  incaricato di dirimere le dispute nate a causa dell’acqua destinata all’irrigazione dei campi da parte degli agricoltori delle “Comunidades de Regantes”. Questo Tribunale ha origini medioevali ed è una testimonianza unica di una tradizione culturale e storica ancora viva. Dopo aver fotografato i vari edifici che si affacciano sulla piazza, ci spostiamo di nuovo in Plaza de la Virgen. Vagabondiamo un pò per le viuzze vicino a Plaza de la Reina e poi decidiamo di fermarci per cena in un localino, di cui purtroppo non ricordo il nome, che con pochi euro ha soddisfatto la nostra fame.

Bioparc vlcPer il nostro ultimo giorno a Valencia decidiamo di visitare il Bioparco (www.bioparcvalencia.es),  zoo di nuova generazione concepito con la zoo-immersion filosofia. Usiamo ancora una volta la metro per raggiungerlo, salendo a Xativa e scendendo a Nou d’Octubre; il biglietto d’ingresso costa 23,80 euro, ma avendo la vlc tourist card abbiamo goduto di uno sconto del 15%…sembra tanto, ma una volta entrati nel parco vi dimenticherete immediatamente del costo del biglietto. Un’esperienza veramente straordinaria per tutte le persone che come me amano la natura e soprattutto la rispettano. Il parco è veramente grande perchè lascia moltissimo spazio agli animali che si percepisce vengono trattati coi guanti. A circa metà pomeriggio abbiamo assistito ad uno spettacolo messo in atto dai curatori dello zoo, i quali danno ai visitatori un assaggio del duro ma sicuramente soddisfacente lavoro degli addestratori. Siamo rimasti dentro praticamente fino a chiusura. Tornati in hotel abbiamo salutato per l’ultima volta Plaza del Ayuntamiento e ci siamo incamminati verso l’aeroporto, tristi ma allo stesso tempo felici di poter annoverare tra i nostri viaggi questa favolosa città spagnola.

Annunci

3 thoughts on “Autumn in Valencia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...